Cosa c’è dietro al restyling di Larin Group

Quando abbiamo iniziato questo 2019 ci siamo fermati un attimo a riflettere sugli ultimi anni.
Sappiamo bene da dove siamo partiti e quello che ci spinge ad andare avanti è una passione inarrestabile e incontrollabile, ma non siamo più quelli di otto anni fa.

Larin Group ha un fuoco acceso dal 2011 e in questi anni siamo cresciuti fondando un gruppo di tre aziende (Larin Agency, Mostaza e Polaris), creando 5 nuovi brand e gestendo oltre 800 progetti con un team di più di 20 persone.

Con dei numeri così abbiamo deciso di tornare all’inizio, dove tutto è cominciato, per capire chi eravamo e chi siamo diventati, perché, si sa, i cambiamenti e i miglioramenti devono essere comunicati. Nel modo migliore possibile.

Come?

Volevamo una nuova immagine che sapesse trasmettere la nostra rivoluzione con un nuovo logo: cercavamo quindi un nuovo abito che rappresentasse, già al primo sguardo, tutta la nostra storia, i nostri valori, chi siamo e chi diventeremo.

Dovevamo rinnovare la nostra identità, per includere tutti i membri della nostra famiglia.
Sì, perché la famiglia è da sempre il nostro punto di partenza: larin, infatti, significa focolare, il centro della casa, il luogo in cui ci si riunisce e si scambia pensieri, opinioni e racconti.

E proprio da qui è partita la nostra rivoluzione, da quel “unire i puntini” che ci ha sempre rappresentato. Abbiamo immaginato allora di inserire i nostri tre puntini in un contesto più ampio, cercando di dar loro un’identità precisa, per regalare a ogni nostro brand una forma modulare differente, ma unite da un filo conduttore.

Qual è stata la nostra ispirazione?

Guardando quei puntini la prima cosa che ci è venuta in mente sono stati dei bottoni: oggetti banali, a cui si dà poco valore, ma che svolgono invece una funzione importante, quella di unire due parti di stoffa. Metaforicamente parlando, allora, i bottoni permettono di legare tra di loro realtà diverse, quelle di cui il gruppo Larin è composta.  Come non pensare poi alla divertente serie “Europa e Italia” del cartoonist italiano Bruno Pozzetto, in cui dei semplici pallini, presentati con grandi ironia, assumono un’identità precisa.
E, infine, abbiamo giocato con le forme geometriche usando solo una serie di cerchi per dare vita a composizioni differenti.

Sono nati così 5 diversi bottoni che rappresentano perfettamente i nostri 5 brand:

  • Larin Group: un bottone centrale più grande che rappresenta il focolare, circondato da due bottoni più piccoli che rappresentano le persone che si incontrano
  • Larin Agency: per raggiungere ogni obiettivo bisogna guardare in avanti e per questo abbiamo scelto l’immagine di un cannocchiale, per guardare più in alto di tutti
  • Polaris: con un nome così, non potevamo che pensare alle stelle. Polaris, infatti, è la Stella del Nord e fa parte del Carro dell’Orsa Minore insieme a Urodelus e Yildun
  • Mostaza: un’azienda che fa della tecnologia e dell’avanguardia i suoi punti di forza. Per questo abbiamo pensato al testo “play”, per sviluppare sempre più nuove soluzioni digitali
  • Marketeam: è durante le tavole rotonde che nascono le idee migliori per realizzare le soluzioni di marketing più adatte per ogni cliente

Ad ogni brand, inoltre, abbiamo associato un payoff che lo rappresentasse al meglio:

  • Larin Group – Connect the dots: il gruppo che unisce i puntini, come ha detto Steve Jobs nel suo famoso discorso a Stanford: “Non è possibile unire i puntini guardando avanti; potete solo unirli guardandovi all’indietro. Così, dovete aver fiducia che in qualche modo, nel futuro, i puntini si potranno unire”. Lo abbiamo preso alla lettera.
  • Larin Agency – Get to the point: andare al dunque, puntare al risultato. Un elemento essenziale per chi fa marketing digitale
  • Polaris – Warm Ideas: perché per fare branding non servono semplici idee, ma servono quelle che sappiano trasmettere qualcosa
  • Mostaza – A Tasty Company: Mostaza significa senape e si ricava da una pianta sorprendente dal sapore inaspettato, diverso, unico in natura, proprio come vorremmo fossero i nostri prodotti. Mostaza “scala” come deve scalare un sistema informatico, ma non sta bene da sola: per dare il meglio di sé, ha bisogno di creare collaborazioni e partnership indimenticabili. Il nome in lingua straniera? Perché il nostro mercato non ha confini
  • Marketeam – Marketing Personal Trainers: perché per crescere servono tanto allenamento e obiettivi da raggiungere. Marketeam è questo: un coach che ti affianca per crescere, migliorare ed avere successo.

E poi i colori, il giallo del sole che già ci distingueva, insieme al grigio, per dare un tono di professionalità, serietà e qualità.
Una grafica semplice, proprio come noi.

Non è stato facile, ma ci siamo riusciti grazie all’impegno e alle idee di tutti.
Siamo qui per aiutare le aziende a sviluppare le soluzioni migliori, a farle incontrare con un mondo di cui non pensavano di aver bisogno, a far conoscere i loro punti di forza.
Per questo il nostro fuoco arde di continuo, ogni giorno, perché vogliamo che tutti sentano la nostra energia e i nostri valori.

You May Also Like

L’email marketing non è morto: 7 buoni motivi per iniziare a utilizzarlo!

Scopri come e perché creare la tua perfetta buyer persona

Come individuare i target per una campagna di marketing in 6 semplici mosse

I vantaggi di Whatsapp Business per la tua azienda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X