Facebook rivoluziona la gestione del budget per le campagne: 3 consigli fondamentali per sopravvivere al cambiamento


by Alberto Nalin - Chief Operating Officer

La questione delle campagne di advertising su Facebook è sempre delicata, soprattutto per chi non è esperto di questo strumento: di solito ci si chiede sempre “quanto bisogna investire per fare in modo che la pubblicità funzioni? A quale pubblico devo rivolgermi?”

Non so se hai mai creato una campagna su Facebook, ma oggi funziona così: una volta definito il tuo obiettivo (ad esempio, creare interazione), ti verrà chiesto di indicare il tuo pubblico di riferimento sulla base di fascia d’età, sesso, interessi, lingue, luogo ecc.., il tuo posizionamento, cioè dove vuoi che la tua pubblicità sia visibile (Marketplace, Stories ecc..), il tuo budget e la durata della campagna.

Voglio soffermarmi però un attimo sulla gestione del budget: da qualche tempo, infatti, Facebook dà la possibilità di ottimizzare la distribuzione del budget della tua campagna tra i vari gruppi.

Cosa significa?

Significa che una volta che avrai scelto l’obiettivo della tua campagna e definito il budget giornaliero o totale che vuoi spendere, Facebook lo dividerà su gruppi d’inserzione in modo automatico, decidendo così dove e quanto spendere: se, infatti, un gruppo converte di più, il sistema gli darà più budget rispetto a un altro meno performante.

Questa soluzione, creata soprattutto per chi ha poca esperienza con lo strumento, ti consente comunque di avere un controllo sulla spesa, evitando così di dare tutta la gestione in mano a Facebook: puoi così impostare un limite minimo e massimo di spesa che ti consente di avere una copertura minima sul pubblico selezionato.

E allora cosa cambierà?

A partire da settembre 2019, Facebook ha deciso di rendere obbligatoria la gestione del tuo budget tramite la Campaign Budget Optimization.

[ UPDATE: L’obbligatorietà è slitta da Settembre 2019 a Febbraio 2020 ]

In termini pratici, non sarà più possibile scegliere il gruppo di inserzione, ma sarà lo stesso Facebook a decidere come spendere e come distribuire i tuoi soldi.

Forse penserai che tutto questo non ti riguarda, invece dovresti prestare molta attenzione ai consigli che sto per darti.
Mi sembra scontato dirti che se non farai nulla o se non ti informerai su come gestire la distribuzione del tuo budget, rischi di lasciare che la tua strategia di marketing la decida Facebook. E questo è quanto di più sbagliato tu possa fare.

Lo so, per gli utenti inesperti questo cambiamento sembrerà un’ottima soluzione, ma se investi i tuoi soldi in maniera precisa e accurata con questa soluzione potresti correre il rischio di buttarli via.

Ecco allora quali sono i miei consigli per creare delle campagne su Facebook che diano dei risultati concreti:

  • sfrutta il tempo che ti rimane fino a settembre e ottimizza il budget delle tue campagne
  • prendi una scorciatoia: se Facebook può decidere quale budget destinare ai vari gruppi di inserzione, puoi creare una campagna diversa per ogni pubblico
  • sarà ancora possibile impostare il limite minimo e massimo di spesa: ad esempio, se imposti 10 euro sia come limite minimo che massimo in ogni gruppo, Facebook non potrà che spendere quella cifra e non potrà più “ottimizzare il budget”

E’ molto importante saper investire il tuo budget in modo preciso e accurato, se vuoi ottenere risultati efficaci dai tuoi investimenti: se sottovaluti o non presti attenzione a questi cambiamenti, sprecherai i tuoi soldi senza ottenere i risultati che cerchi.

Facebook rivoluziona la gestione del budget per le campagne: 3 consigli fondamentali per sopravvivere al cambiamento

Scarica la versione stampabile

Stanco di scorrere? Scarica una versione PDF per una più semplice lettura offline e condivisione con i colleghi.

You May Also Like

Ti stai approcciando al marketing su Instagram? Questi 8 consigli possono esserti d’aiuto

I 6 errori più frequenti che abbiamo visto nella gestione dei social dei nostri clienti

Hai una piccola attività locale? Scopri come gestire Instagram nel miglior modo possibile

6 cose da fare e non fare per una strategia marketing di successo sui social media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X